Consiglio vaccinale ad una giovane mamma ‘sola’

consiglio-vaccinale-ad-una-giovane-mamma-sola_1548

In questi giorni ho ricevuto il seguente messaggio:
Buonasera Dr. Gava, ho letto purtroppo in ritardo il suo libro “Le vaccinazioni pediatriche” e cioè quando avevo già fatto somministrare al mio bambino (ora di 6 mesi) la prima dose di 2 tipi di vaccino, tra cui un esavalente. Dopo aver più volte consultato il suo libro, ho deciso di sospendere i cicli di vaccino, pur andando incontro (dal mio compagno e da familiari, conoscenti e amici) a forti critiche per la decisione presa: sostengono che avendo iniziato le vaccinazioni non si possono più interrompere. Costoro sostengono il vero o le vaccinazioni possono essere interrotte senza conseguenze negative per il bambino? Grazie per l’attenzione. Distinti saluti e complimenti per il suo Capolavoro. D. P. S.“.

Continua a leggere l’articolo su www.informasalus.it


Un giudizio equilibrato sulle vaccinazioni pediatriche

bambino-siringa

In questi ultimi anni, nel nostro Paese abbiamo assistito ad una grande ribellione verso l’obbligo delle vaccinazioni infantili, un rifiuto che lentamente ha dato origine ad un vero e proprio Movimento partito dalla base e che è andato ingrossandosi pian piano.

A questo Movimento appartengono quasi sempre persone che sono state mosse da forti, e spesso anche tragiche, esperienze personali o da un carattere libero e insofferente nei riguardi dei condizionamenti, subdoli ma sempre presenti, delle ideologie dominanti le quali, come la storia dell’uomo da sempre insegna, in alcuni casi sono addirittura controllate da persone che si servono della propria posizione, intelligenza e conoscenze scientifiche per giustificare quelle scelte che permettono loro vari tipi di speculazioni.

Il Movimento contro le vaccinazioni obbligatorie, invece, come abbiamo detto, è partito dalla base, ma proprio per questo, basandosi più sul buon senso che su solide motivazioni scientifiche, ha prestato il fianco a facili critiche e non è stato a lungo considerato.

Continua a leggere l’articolo su www.informasalus.it